WhatsApp: +86 -1866 -5800-742 info@doitvision.com

Frequenza di aggiornamento dello schermo LED 1920Hz vs 3840Hz: come scegliere?

by | Novembre 29, 2023 | Blog | 0 commenti

Cos'è la frequenza di aggiornamento dello schermo LED? 

La frequenza di aggiornamento è un indicatore importante utilizzato per caratterizzare l'assenza di sfarfallio e la stabilità dello schermo di un display a LED. Si riferisce principalmente alla frequenza di aggiornamento, che diventa quasi indistinguibile dall'occhio umano comune quando supera i 60Hz. Una frequenza di aggiornamento più elevata comporta uno sfarfallio dell'immagine inferiore e un'immagine più nitida. Al contrario, minore è la frequenza di aggiornamento, maggiore è la probabilità che l'immagine sfarfalli

La frequenza di aggiornamento indica quante immagini al secondo vengono visualizzate sullo schermo LED. Pertanto, più è veloce, più precisa diventa l'immagine e una frequenza di aggiornamento più rapida corrisponde anche a un numero o livello più alto. Generalmente, una frequenza di aggiornamento migliore è associata a un numero più alto, ad esempio 1920Hz anziché 720Hz. Pertanto, la frequenza di aggiornamento è un indicatore importante della stabilità visiva degli schermi LED.

La differenza tra frequenza di aggiornamento e frequenza fotogrammi 

Un altro concetto che spesso viene confuso con la frequenza di aggiornamento degli schermi LED è la frequenza di cambio fotogramma. La frequenza di cambio fotogramma si riferisce all'attributo delle porzioni video, che indica il numero di volte in cui le informazioni sull'immagine vengono aggiornate al secondo. Pertanto, la frequenza di cambio fotogramma è un indicatore importante per misurare la continuità video. Se la frequenza dei cambiamenti di fotogramma è bassa, potrebbe verificarsi uno sfarfallio. Inoltre, se il valore della frequenza di aggiornamento raggiunge un punto in cui è evidente lo 'sfarfallio dell'immagine', la frequenza di cambio fotogramma influenzerà questo effetto di sfarfallio.

La frequenza dei fotogrammi indica il dettaglio di un'immagine, mentre la frequenza di aggiornamento definisce la fluidità di un'immagine sullo schermo LED. La frequenza fotogrammi si riferisce al numero di singoli fotogrammi visualizzati al secondo nel contenuto sorgente e viene misurata in fotogrammi al secondo (fps). Sia la frequenza di aggiornamento che la frequenza dei fotogrammi influiscono sulla qualità visiva. Tuttavia, la frequenza di aggiornamento è un parametro del dispositivo di visualizzazione a LED e la frequenza dei fotogrammi è un attributo del file video. Raggiungere un equilibrio armonioso tra i due è essenziale per una qualità visiva ottimale.

La differenza tra una frequenza di aggiornamento elevata e una frequenza di aggiornamento bassa 

frequenza di aggiornamento bassa e alta

Frequenze di aggiornamento più elevate sono migliori per tre ragioni principali: latenza di input, fluidità e chiarezza visiva. La fluidità aumenta con frequenze di aggiornamento più elevate perché vengono visualizzati più fotogrammi. Ciò sarebbe abbastanza chiaro se osservassimo fianco a fianco filmati a 30 fps e 60 fps. Quando vengono visualizzati più fotogrammi e le differenze tra ciascun fotogramma in movimento sono minori, più fluido diventa il gioco. Alcuni sviluppatori di giochi tentano di nascondere questo problema attraverso l'uso del motion blur, che sfuma i fotogrammi insieme per ridurre le differenze apparenti tra ciascun fotogramma a frame rate bassi. Tuttavia, quando il motion blur è disabilitato, le differenze nella fluidità tra le frequenze di aggiornamento basse e alte diventano molto evidenti. Questi vantaggi in termini di fluidità si estendono alle frequenze di aggiornamento superiori a 60 Hz. Ad esempio, 120 Hz è notevolmente più fluido di 60 Hz e 240 Hz è ancora più fluido. Ancora una volta, tuttavia, quanto siano evidenti questi salti di fluidità dipende dalla sensibilità dello spettatore.

La latenza di input diminuisce a frequenze di aggiornamento più elevate a causa del tempo ridotto tra gli aggiornamenti. Ad esempio, a 60 Hz, il display viene aggiornato completamente ogni 16.7 millisecondi, mentre a 120 Hz si aggiorna ogni 8.3 millisecondi. I vantaggi di frequenze di aggiornamento più elevate per la chiarezza visiva sono dovuti al modo in cui funzionano in genere gli schermi moderni, sia LCD che LED. Sono visualizzazioni sample-and-hold, ovvero ogni fotogramma viene mostrato sullo schermo per l'intera durata di ciascun ciclo di aggiornamento, senza intervalli o periodi neri tra i fotogrammi. Le visualizzazioni "campiona e mantieni" possono apparire sfocate quando i tuoi occhi seguono un oggetto in movimento sullo schermo, come un nemico in uno scontro a fuoco o una caratteristica interessante nell'ambiente mentre cammini. Questa sfocatura si verifica perché i tuoi occhi si muovono a una velocità costante e costante per seguire gli oggetti, mentre l'oggetto reale sullo schermo aggiorna solo la sua posizione ad ogni aggiornamento.

Tra ogni aggiornamento, i tuoi occhi si muovono, mentre l'oggetto sullo schermo rimane fermo grazie alla visualizzazione sample-and-hold. Quando i tuoi occhi si muovono ma l'oggetto sullo schermo no, si crea una sfocatura, simile a come una fotocamera in movimento che cattura un oggetto fermo può creare una foto sfocata. In altre parole, più a lungo l'oggetto sullo schermo rimane nella stessa posizione senza essere aggiornato, minore sarà la frequenza di aggiornamento e maggiore la quantità di sfocatura. Aggiornamenti più frequenti con piccole modifiche tra ogni aggiornamento riducono la sfocatura su questo tipo di display, motivo per cui frequenze di aggiornamento elevate producono meno sfocatura. Possiamo misurarlo utilizzando il test UFO dei Blur Busters.

Frequenza di aggiornamento dello schermo LED 1920Hz vs 3840Hz 

Con il progresso della tecnologia dei display a LED, l'industria degli schermi a LED è passata dagli originali 480 Hz a 1920 Hz, 3840 Hz e persino 7680 Hz. In circostanze normali, l'occhio umano non è in grado di distinguere queste frequenze ad occhio nudo, poiché in genere non è in grado di percepire frequenze superiori a 24 Hz.

Attualmente tutti i moderni schermi interni ed esterni possono raggiungere una frequenza di aggiornamento di 3840 Hz. Il frame rate di un film è generalmente di 24 Hz, il che significa che vengono disegnati 24 fotogrammi al secondo. Se riproduciamo un film con un frame rate di 24 Hz su uno schermo LED con una frequenza di aggiornamento di 3840 Hz, ciò equivale a 3840 diviso 24, che equivale a 160. Ciò significa che ogni fotogramma del film viene aggiornato 160 volte dallo schermo. Con una frequenza di aggiornamento così elevata, l'occhio umano non percepisce lo sfarfallio dell'immagine, perché la fluidità e la chiarezza del display sono molto elevate.

Quindi, per analogia, una frequenza di aggiornamento di 3840 Hz significa che ogni fotogramma viene aggiornato 160 volte sugli schermi a LED, 1920 Hz comporta 80 aggiornamenti per fotogramma e 7680 Hz porta a 320 aggiornamenti per fotogramma. Queste frequenze di aggiornamento elevate possono ridurre efficacemente gli effetti delle increspature dell'acqua, suggerendo che, sia che si tratti di filmati del cellulare o di una fotocamera, entrambi possono apparire il più autentici possibile, somigliando molto a ciò che si vede ad occhio nudo.

Conclusione: 

Attualmente, nel settore degli schermi a LED, esistono due principali frequenze di aggiornamento del display: 1920Hz e 3840Hz. Tuttavia, i display più vecchi con una frequenza di aggiornamento di 960 Hz sono gradualmente scomparsi a causa del tremolio e dello sfarfallio dello schermo, con conseguente scarsa qualità di visualizzazione.

In conclusione, quando si sceglie uno schermo LED, se non si è sicuri su come selezionare la frequenza di aggiornamento, all'interno di un determinato intervallo di budget, 3840 Hz sono da preferire per gli scenari di display LED sia per interni che per esterni. Tuttavia, questa scelta è ulteriormente soggetta alle limitazioni delle esigenze dell'utente. Pertanto, che si tratti di un lavoro professionale o di applicazioni come noleggio di spazi esterni per branding, presentazioni video, riprese virtuali, trasmissioni o anche giochi domestici, una buona regola pratica è scegliere uno schermo LED che offra una frequenza di aggiornamento più elevata. , come 3840 Hz o superiore.

L'autore

Kris Liang

Kris Liang

Fondatore/esperto di display LED

Kiris Liang è il fondatore di Doitvision. Oltre 12 anni nel settore visivo a LED. Piena passione di LED, designer di prodotto e capo venditore. Cercasi compagno di squadra tecnico/marketing/vendite.

Connettere le persone con i display a LED.

E-mail: kris@doitvision.net